Miccoli va in carcere, deve scontare 3 anni e mezzo

·1 minuto per la lettura

Fabrizio Miccoli, ex bomber del Palermo, dopo la condanna definitiva a tre anni e mezzo di carcere per estorsione aggravata, si è costituito poco prima delle 15 al carcere di Rovigo, come confermano da ambienti penitenziari all'Adnkronos.

Ieri i giudici della seconda sezione penale della Cassazione hanno confermato la sentenza del gennaio 2020 della Corte di Appello di Palermo. A causa dell'aggravante mafiosa, Miccoli non ha potuto ottenere alcun beneficio. Secondo l'accusa l'ex calciatore avrebbe ottenuto dal suo amico Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa Antonino, detto "u scintilluni" di recuperare un credito di 12mila euro da un imprenditore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli