Mafia: ex killer Avola, 'sono l'ultima persona che ha visto Borsellino negli occhi, poi diedi segnale'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 28 apr. (Adnkronos) – "Io posso dire che c'ero e sono uno degli esecutori materiale della strage di via D'Amelio. E sono l'ultima persona che ha visto lo sguardo di Paolo Borsellino prima di dare il segnale per l'esplosione". Lo ha detto l'ex killer Maurizio Avola intervistato da Michele Santoro nello speciale di Mentana sulla mafia su La7. "Borsellino scende dalla macchina e lascia lo sportello aperto – dice Avola – Io mi fermo, mi giro e lo guardo, mi accendo una sigaretta. Lo guardo, mi giro e faccio il segnale, verso il furgone a Giuseppe Graviano e vado a passo elevato – dice Avola – Mi da 12 secondi per allontanarmi. Ho avuto la sensazione che Emanuela Loi ha visto il led rosso dell'auto, lei alza il passo e non capisco se sta andando verso la macchina. A quel punto mi sono allontanato. Se non esplodeva la macchina avrebbero attaccato con i bazooka". E aggiunge: "Il nostro ottavo uomo era lo Stato – aggiunge – non i servizi segreti. Hanno fatto una ricostruzione diversa, posso giurare che non c'erano uomini dei servizi. Io dovevo fare la guerra allo Stato".