Mafia: ex pm Di Pisa, 'Borsellino mi parlò del dossier appalti davanti bara Falcone'/Adnkronos (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – L'indagine su mafia e appalti fu archiviato il giorno prima di ferragosto del 1992, cioè nemmeno un mese dopo la strage di via D'Amelio, dopo la richiesta avanzata, pochi giorni la morte di Borsellino, il 22 luglio 1992, dall'allora pm Guido Lo Forte, con l'avallo dell'allora procuratore Pietro Giammanco. "Certo, un'archiviazione che arrivò poco dopo la strage – dice oggi Di Pisa – Il fatto temporale dà da pensare…".

E poi ricorda anche la telefonata arrivata la mattina, quasi all'alba, del 19 luglio 1992, il giorno della strage di via D'Amelio al giudice Borsellino da parte del Procuratore Giammanco: "Gli disse che gli avrebbe affidato le indagini su Palermo, sulla mafia di Palermo e quindi, probabilmente, anche il dossier mafia e appalti. Certo, una telefonata arrivata alle sette di mattino, nel giorno della strage fa riflettere. Come se non potesse più aspettare fino all'indomani…". Quello stesso giorno Paolo Borsellino aveva cercato Alberto Di Pisa, in una casa al mare da parenti, a Marina Longa. "Voleva parlarmi con urgenza di parlarmi, ma purtroppo non c’ero".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli