Mafia: legale D'Alì, 'sorpresi per condanna, acquisizioni probatorie rafforzato tesi difesa'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 21 lug. (Adnkronos) – "Desta profonda sorpresa la riforma della sentenza di primo grado di assoluzione, considerato che tutte le acquisizioni probatorie di questo giudizio di rinvio hanno rinforzato la tesi difensiva e avvalorato la correttezza delle motivazioni del Gip del Tribunale di Palermo". Lo ha detto l'avvocato Arianna Rallo, legale del senatore Antonio D'Alì, dopo la condanna a sei anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa.

"Tuttavia, nel doveroso rispetto che attribuiamo ad una decisione giudiziaria, attendiamo le motivazioni per comprendere quale sia stato l'iter logico-argomentativo che ha condotto la Corte di Appello ad una diversa valutazione dei fatti e se lo stesso possa dirsi esente da vizi di legittimità, giustificanti ovviamente il ricorso per cassazione", dice. "Peraltro, la recentissima statuizione della corte di cassazione, dello scorso 17 giugno, che ha irrevocabilmente giudicato ingiusto e illegittimo che Antonio D'Alì sia stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale da parte del Tribunale di Trapani, deponeva certamente per una valutazione dei fatti corrispondente alla prospettazione difensiva", conclude la legale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli