Mafia: legale famiglia Agostino, 'certi apparati dello Stato erano complici duplice omicidio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 19 mar. (Adnkronos) – "Quello di oggi non è solo il primo passo, è il passo finale di un percorso difficile e tortuoso in cui la verità si sapeva e gli apparati dello Stato rifiutavano di riconoscerla, perché certi apparati dello Stato erano complici del duplice assassinio. Finalmente grazie ai monumentali sforzi dei genitori di Nino Agostino, della Procura generale e della Dia, per una volta mi viene da dire che oggi la giustizia è riuscita a tenere insieme terra e cielo". Lo ha detto l'avvocato Fabio Repici, legale di parte civile della famiglia Agostino, dopo la condanna all'ergastolo al boss mafioso Nino Madonia per l'omicidio dell'agente Nino Agostino e della moglie Ida Castelluccio. Repici parla di "criminali depistaggi posti in essere da personaggi che saranno da noi chiamati, tutti coloro che sono ancora vivi, a testimoniare nel dibattimento a carico di Gaetano Scotto e Francesco Paolo Rizzuto".