Mafia, Leoluca Orlando ricorda Cassarà e Antiochia

Xpa

Palermo, 6 ago. (askanews) - Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha partecipato stamani alle cerimonie in ricordo del 34esimo anniversario dell'uccisione del vice-questore Ninni Cassarà e dell'agente di Polizia Roberto Antiochia, trucidati dalla mafia il 6 agosto del 1985 in via Croce Rossa.

"Oggi ricordiamo il sacrificio di due servitori dello Stato che con coraggio hanno combattuto la mafia e che in anni difficilissimi dedicarono il proprio impegno alla caccia ai latitanti - ha detto il sindaco di Palermo -. Anche grazie all'esempio di questi uomini, oggi le istituzioni a Palermo sono unite e impegnate senza equivoci nella lotta alla mafia".

Le iniziative sono state organizzate in collaborazione con la Questura di Palermo.

Nel corso della commemorazione, che si è tenuta in piazza Giovanni Paolo II, è stata scoperta una stele in memoria dei due e deposta una corona di alloro alla presenza delle massime autorità civili e militari della Città, tra cui il prefetto Antonella De Miro e il questore Renato Cortese. Successivamente è stata celebrata una messa presso la cappella di Maria santissima della Soledad, in salita Antonio Manganelli.