Mafia, Miccichè: "Errore imperdonabile candidare Polizzi, noi parte civile"

(Adnkronos) - "Se il candidato al Consiglio comunale di Palermo Pietro Polizzi dovesse essere rinviato a giudizio, Forza Italia si costituirà parte civile per danno all’immagine del partito". Ad annunciarlo all’Adnkronos è il coordinatore regionale degli azzurri in Sicilia Gianfranco Micciche dopo l’arresto di Polizzi per voto di scambio politico mafioso. Micciche si dice "molto dispiaciuto per quanto accaduto". E fa anche sapere che chiederà alla candidata Adelaide Mazzarino, che era candidata in coppia con Polizzi e di cui parla l'arrestato nelle intercettazioni, di ritirarsi dalle competizione: "Anche perché - spiega- sono sicura che Adelaide non avrebbe mai voluto accettare voti del genere".

"Fermo restando che mi assumo la piena responsabilità dell’errore di candidare a Polizzi - dice - a mia parziale discolpa posso dire che avevamo il casellario giudiziario di Polizzi da cui non risultava nulla". "Questo signore non aveva avuto mai un processo a suo carico - spiega -non potevamo immaginare che ci fosse una situazione del genere. Non abbiamo i mezzi della polizia o della magistratura".

"E comunque si è trattato di un errore imperdonabile", aggiunge. "Noi non facciamo altro che predicare l’onestà per tutti i nostri candidati e sono veramente molto dispiaciuto". Poi Micciché ribadisce: "Chiederò ad Adelaide di ritirarsi dalla campagna elettorale, anche se so che è in assoluta buona fede e ripeto che sono sicuro che non avrebbe accettato voti del genere".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli