Mafia, nasce la nuova sfida editoriale "lavialibera" per la legalità -2-

Gci

Roma, 28 gen. (askanews) - Da parte sua Cafiero De Raho ha sottolineato come le mafie, seguendo l'esempio della 'ndrangheta, oggi si sta "inabissando", cercando non l'azione violenta come in passato ma di infiltrare l'economia sana. "Un progetto editoriale come quello che si presenta oggi è fondamentale perchè di mafia si parla sempre troppo poco e ancor meno si fa se non sotto l'aspetto della sola repressione, che da sola non può bastare".

Parole di elogio per la nuova iniziativa di Libera sono venute anche dal sottosegreterio alla Presidenza del consiglio, con delega all'Editoria, Andrea Martella che ha auspicato una più stretta collaborazione con le scuole.

Infine, il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso ha speso parole di apprezzamento per la nuova avventura editoriale. "Si tratta di una luce in un panorama informativo, oggi spesso contraddistinto da troppe sfumature di buio per l'intero settore. Promuovere la conoscenza - ha detto Lorusso - è fondamentale perchè è fondamentale per la partecipazione pilastro della democrazia".

--