Mafia: ordinanza, ‘tanti contanti in disponibilità Bettozzi, nascosti in luoghi più disparati’

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 apr. (Adnkronos) – “Le indagini hanno dimostrato che Anna Bettozzi dispone di ingentissime provviste di denaro liquido, nascosto nei luoghi più disparati”. E’ quanto riportato nell’ordinanza del gip Tamara De Amicis nel filone romano dell’inchiesta che ha portato all’operazione ‘Petrol-Mafie Spa’.

“Dalle indagini sono emerse le cassette di sicurezza di un hotel milanese (dove è stato già effettuato un sequestro) – si legge – la propria abitazione e quella di vari parenti (in una conversazione Filippo Bettozzi, parlando con lei, afferma – parlando dell'allocazione del denaro – di aver "sistemato" la nonna e tale zia Tonia). Si tratta di luoghi ‘sicuri’, posto che – come emerge da un’altra conversazione – la Bettozzi è particolarmente attenta alla collocazione del denaro. In più l'indagata vanta una fitta rete di soggetti pronti ad aiutarla nell'occultamento di tali ingenti risorse”.