Mafia: Papa, 'scambia fede con idolatria'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Città del Vaticano, 21 mar. (Adnkronos) – "Le mafie sono presenti in varie parti del mondo e sfruttando la pandemia si stanno arricchendo con la corruzione. San Giovanni Paolo II denunciò la loro 'cultura di morte' e Benedetto XVI le condannò come 'strade di morte'. Queste strutture di peccato, strutture mafiose contrarie al Vangelo di Cristo scambiano la fede con l'idolatria". Così Papa Francesco al termine dell'Angelus dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano in occasione della giornata della memoria e del ricordo delle vittime delle mafie.

"Oggi ricordiamo tutte le vittime e rinnoviamo il nostro impegno contro le mafie", ha sottolineato.