Mafia: Pd, 'da arresti Messina quadro inquietante di cui avevamo segnali allarmanti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 9 apr. (Adnkronos) – "I particolari dell’operazione antimafia della Procura di Messina, che ha portato all’esecuzione di misure restrittive per 33 persone, mettono in luce un quadro inquietante di cui avevamo già avuto allarmanti segnali". Lo dichiarano in una nota Enrico Borghi, responsabile Politiche Sicurezza nella segreteria nazionale del Pd e Pietro Navarra, componente della commissione Bilancio della Camera. "Anche di fronte alla pandemia, i clan mafiosi non si sono fermati, anzi hanno trovato proprio nella crisi terreno fertile per cercare di riorganizzare le proprie attività. La risposta dello Stato non si è fatta attendere, a tutela degli imprenditori e dei cittadini messinesi, ma non solo. Si tratta, infatti, di un segnale forte per l’intero Paese: nonostante le azioni di contrasto alla pandemia, il livello di attenzione contro la criminalità mafiosa è tutt’altro che diminuito – dicono -Le intollerabili manifestazioni di prepotenza nei confronti delle forze sane del nostro tessuto sociale, non sono rimaste e non rimarranno impunite. Né è tollerabile che la politica, in qualsiasi forma, abbia qualsiasi tipo di contatti con personaggi ben noti alle forze dell’ordine, alla ricerca di consensi". "Il PD sarà sempre al fianco della magistratura, delle forze dell’ordine, a difesa della legalità e dell’Italia, affinché nessuna morsa mafiosa, specie in questi momenti di grande difficoltà, possa pensare di sottomettere ai propri voleri i cittadini onesti”.