Mafia: pg trattativa, 'omessi i nomi dei politici potenti nel primo dossier sugli appalti' (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Ma la Corte d’assise di Palermo nella sentenza di primo grado del processo trattativa esclude che ci sia un nesso tra il dossier mafia e appalto e la strage di via D'Amelio: "Non v’è neppure certezza che il dottor Borsellino possa avere avuto il tempo di leggere il rapporto ‘mafia e appalti’ e di farsi, quindi, un’idea delle questioni connesse, mentre, al contrario, è assolutamente certo che non vi fu alcuno sviluppo di quell’interessamento nel senso di attività istruttorie eventualmente compiute o anche soltanto delegate alla polizia giudiziaria, che, conseguentemente, possano avere avuto risalto esterno giungendo alla cognizione dei vertici mafiosi così da allarmarli e spingerli improvvisamente ad accelerare l’esecuzione dell’omicidio del dottor Borsellino medesimo”.

Anche Fiammetta Borsellino, la figlia minore del giudice ucciso da Cosa nostra, ha parlato più volte del dossier mafia e appalti. “Un tema che stava molto a cuore a mio padre era il rapporto tra la mafia e gli appalti. Infatti mi chiedo come mai il suo dossier fu archiviato il giorno dopo l’uccisione". La requisitoria prosegue con l'intervento del pg Sergio Barbiera.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli