Mafia: Piersanti Mattarella jr, 'dopo 42 anni mia famiglia ha diritto a verità su mio nonno/Adnkronos (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Non abbiamo mai avuto notizie né dal Procuratore Lo Voi e dal suo aggiunto De Luca né da tutti gli altri magistrati che si sono succeduti in questi 42 anni – spiega ancora Piersanti Mattarella -Ogni anno spunta un articolo di giornale in cui spunta una pista, una dichiarazione, un indagato che parla, un fratello di un altro indagato che dice di sapere delle cose. Insomma, anche se i modi sono stati più pacati rispetto alle reazioni emotive e ai primi impulsi che sono umani in qualunque altra persona, chiaramente anche nella nostra famiglia c'è la voglia di sapere. Abbiamo anche il diritto di sapere cosa accadde il 6 gennaio del 1980. Visto che non si parla del furto di una bicicletta, di affari di secondo piano, ma di un evento che ha cambiato la storia della città se non della nazione intera".

Piersanti Mattarella ricorda poi la sentenza di primo grado sulla strage di Bologna in cui viene citato il 'testamento civile' di Giovanni Falcone. "Oltre alla sentenza della strage di Bologna – spiega ancora il nipote maggiore del Presidente assassinato 42 anni fa – anche le più recenti sentenze che hanno riguardato, ad esempio, la cosiddetta trattativa tra Stato e mafia. O, ancora, i fatti del '92. Hanno evidentemente fatto emergere dei rapporti che magari negli anni '80 non erano neanche ipotizzabili tra Cosa nostra e organizzazioni terroristiche, in questo caso di estrema destra. La lungimiranza di Giovanni Falcone negli anni Ottanta lo aveva portato a intravedere la luce in fondo a quello che è un tunnel di 42 anni di indagini. Ma dopo di lui questa pista è stata abbandonata nonostante il riconoscimento di un testimone oculare. E la stessa recente sentenza di Bologna non fa che confermare quella che era stata l'intuizione, lo spunto investigativo di Falcone e, dunque, l'esistenza di determinati e forti legami, almeno per la commissione di alcuni atti criminosi tra la mafia e le organizzazioni terroristiche eversive di estrema destra, i Nar in particolare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli