**Mafia: processo Trattativa, pm 'scelte politica criminale e verità inconfessabili /Adnkronos** (6)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La Procura generale di Palermo, al termine della requisitoria, ha chiesto alla corte d'assise d'appello di confermare le condanne inflitte in primo grado a boss, ex carabinieri e politici imputati di minaccia a Corpo politico dello Stato nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. In primo grado il boss Leoluca Bagarella fu condannato a 28 anni di carcere, a 12 gli ex ufficiali del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, l'ex senatore di Fi Marcello Dell'Utri e l'ex medico fedelissimo di Toto' Riina, Antonino Cinà. Otto anni la pena inflitta all'ex capitano del Ros Giuseppe De Donno. La Corte – in primo grado – aveva inoltre dichiarato il "non doversi procedere" nei confronti del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca (anche lui imputato per l'art.338) per intervenuta prescrizione visto il riconoscimento delle attenuanti previste per i collaboratori di giustizia.

Brusca ha partecipato al processo in collegamento da una località riservata, dopo essere stato scarcerato per fine pena, tra le polemiche, la settimana scorsa, dopo 25 anni di detenzione. Anche Massimo Ciancimino era stato condannato a 8 anni per calunnia e concorso esterno ma poi, nel secondo grado, la sua posizione è stata stralciata perché il reato è andato prescritto. La sentenza sarà emessa domani pomeriggio al bunker di Pagliarelli di Palermo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli