Mafia, Provenzano: "Abbiamo bisogno di un'Italia con le carte in regola"

"Abbiamo bisogno non solo di una Sicilia con le carte in regola, ma di un Sud con le carte in regola e di un'Italia con le carte in regola". Così il ministro Giuseppe Provenzano parlando al Giardino Inglese di Palermo per commemorare Piersanti Mattarella, il Presidente della Regione 'dalle carte in regola', come veniva definito, ucciso dalla mafia. "Troppo spesso gli amministratori locali, che subiscono atti intimidatori di stampo mafioso, si sentono soli, le istituzioni devono esserci ancora", ha aggiunto Provenzano."Se siamo qui - dice - è perché la mafia quella guerra non l'ha vinta, le istituzioni hanno reagito abbattendo e sconfiggendo il braccio militare di Cosa nostra. Se la mafia non ha vinto però non ha neanche perso perché il suo potere di infiltrazione è ancora presente. Il lavoro di Piersanti Mattarella deve essere completato: abbiamo bisogno di una Sicilia e di un Sud efficiente e formare una nuova classe dirigente che rompa le connivenze per cui Mattarella si è battuto".