Mafia: De Raho, 'criminalità organizzate operano insieme come unica entità'

·1 minuto per la lettura
Mafia: De Raho, 'criminalità organizzate operano insieme come unica entità'
Mafia: De Raho, 'criminalità organizzate operano insieme come unica entità'

Roma, 15 feb. (Adnkronos) – "Emerge un quadro di evidenze che dimostra come le diverse mafie operano assieme, come unica entità". Lo dice in un'intervista all'Istituto di studi politici economici e sociali dell'Eurispes, il procuratore anti-mafia e anti-terrorismo Federico Cafiero De Raho che rimarca: "è necessario un ulteriore passo in avanti, gli uffici e gli organi deputati al contrasto devono condividere informazioni e lavorare sempre di più in sinergia".

"La mafia, la ’ndrangheta, la camorra, la mafia foggiana, mafia del Gargano, nascono su specifici territori per poi proiettarsi altrove – spiega De Raho – Questo è il segno della loro forza, costituire proprie cellule che sono cosche, ’ndrine, clan in altre regioni d’Italia. A questo segue la proiezione delle strutture economiche che operano su tutto il territorio nazionale per reinvestire e occultare i capitali accumulati. Quindi, da una parte il controllo del territorio di provenienza anche attraverso l’uso della forza, e dall’altra parte il controllo dell’economia nei territori che vengono infiltrati".

"Il salto di qualità – prosegue – è quando si superano i confini nazionali, quando la proiezione è di livello europeo e oltre oceano. America del Nord tanto quanto l’America del Sud: ecco che diventa chiara la proiezione globale delle mafie. Una rete criminale che non ha confini o frontiere. Le forme che utilizzano sono le più avanzate del mondo finanziario. Società costituite in paesi che non hanno legislazioni stringenti nel contrasto alla criminalità organizzata e alle sue infiltrazioni nell’economia. Si muovono in territori dove la legge è più debole. Noi dovremmo parlare di paradisi 'normativi', piuttosto che di paradisi 'fiscali'. Sono quei paesi dove le mafie hanno una specifica capacità nel riuscire a piegare le norme o aggirarle, sfruttando le falle dei sistemi internazionali".