Mafia, strage circovallazione: Palermo ricorda 38 anni eccidio

Red/Gca

Palermo, 16 giu. (askanews) - Oggi in via Ugo La Malfa, nel 38 anniversario dell'eccidio, stata deposta una corona di fiori alla lapide dei caduti in memoria del loro sacrificio. Alla commemorazione, presenti il Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Divisione Giovanni Cataldo e il Comandante Provinciale, Generale di Brigata Arturo Guarino, sono stati resi gli onori ai militari. La "Strage della Circonvallazione" avvenuta a Palermo il 16 giugno 1982 in Viale della Regione Siciliana altezza civico 9201 (direzione Trapani), 500 metri prima dello svincolo per Sferracavallo. Nell'eccidio rimasero vittime: l'Appuntato Silvano Franzolin, nato a Pettorazza (Rovigo) il 3 aprile 1941 (sposato con due figli), il Carabiniere Luigi Di Barca, nato a Valguarnera (Enna) il 10 aprile 1957 (che lasci la moglie incinta della figlia) ed il Carabiniere Salvatore Raiti, nato a Siracusa il 6 agosto 1962, tutti in servizio presso la Stazione Carabinieri di Enna. Obiettivo dell'attentato era il boss catanese Alfio Ferlito, che durante una traduzione dal carcere di Enna a quello di Trapani , mor nell'agguato insieme ai tre carabinieri della scorta e al ventisettenne Giuseppe Di Lavore, autista della ditta privata che aveva in appalto il trasporto dei detenuti e che venne poi insignito della medaglia d'oro al valor civile. La vicenda stata inquadrata nel corso dei processi nello scontro che si era venuto a creare tra i Santapaola e i Ferlito per il predominio criminale sul territorio di Catania.