Mafie, Bonaccini: entro 2020 in Emilia-R. conferenza su legalità

Pat
·1 minuto per la lettura

Sorbolo (Parma), 29 lug. (askanews) - Entro la fine del 2020 l'Emilia-Romagna organizzerà una conferenza sulla legalità, con la presenza del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. Lo ha annunciato il presidente, Stefano Bonaccini, che ha partecipato oggi assieme alla responsabile del Viminale all'assegnazione alla collettività di dieci immobili confiscati alla 'ndrangheta, nell'ambito del processo Aemilia. "Riportare alla società civile i beni confiscati alle mafie è un bellissimo segnale, sempre - ha detto Bonaccini -. Mettere questi immobili a disposizione di cittadini che si siano trovati in difficoltà per l'emergenza dovuta alla pandemia è un ulteriore passo avanti. Il contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata deve andare di pari passo con il lavoro di ricucitura sociale di sostegno a chi più ha bisogno, soprattutto adesso che facciamo i conti con le conseguenze dei durissimi mesi che abbiamo alle spalle". Durante la cerimonia il procuratore di Parma, Alfonso D'Avino, ha evidenziato le peculiarità della presenza delle mafie al Nord: "Qui la 'ndrangheta non ha bisogno del controllo militare del territorio. Alla criminalità organizzata qui basta il controllo economico, basta avvicinarsi alle imprese, offrire loro un appoggio, denaro. Non è una guerra militare, non abbiamo i morti" ma ci sono "vere e proprie truppe di occupazione che vengono dal Sud".