Magistratura, Bonafede: barbare uccisioni tappe lotta antistato

Gca

Roma, 18 giu. (askanews) - "Mario Amato, Gaetano Costa, Guido Galli, Nicola Giacumbi, Rosario Livatino e Girolamo Minervini sono nomi da pronunciare con orgoglio, simboli civili della nostra Italia che hanno pagato con l'estremo sacrificio la loro incondizionata dedizione alla giustizia e, pi in generale, ai valori democratici della nostra Costituzione". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede nel suo discorso al Quirinale alla cerimonia commemorativa del quarantesimo anniversario dell'uccisione di Giacumbi, Minervini, Galli, Amato e Costa e del trentennale dell'omicidio di Livatino. "Le loro barbare uccisioni rappresentano tappe drammatiche della lotta all'antistato, nel solco della difesa dello Stato di diritto".