Magistratura, Bonafede:cittadini devono tornare ad avere fiducia

Gca

Roma, 18 giu. (askanews) - "Ogni cittadino, quando entra in un'aula di giustizia per difendere i propri diritti, deve avere la certezza di trovarsi al cospetto di un magistrato autorevole perch preparato, imparziale e consapevole del suo ruolo: un ruolo che incide sulla libert, sui beni e sui diritti delle persone". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede nel suo discorso al Quirinale alla cerimonia commemorativa del quarantesimo anniversario dell'uccisione di Giacumbi, Minervini, Galli, Amato e Costa e del trentennale dell'omicidio di Livatino. "Ci interroghiamo costantemente sugli effetti delle riforme che sono sul tavolo di confronto tra gli addetti ai lavori e in Parlamento, ma ancor pi fondamentale riportare la magistratura a riconoscersi negli uomini che oggi stiamo ricordando. Soltanto in questo modo avremo davvero onorato degnamente la loro memoria". Poi Bonafede ha aggiunti che "ci tengo a confermare che ogni intervento riformatore che stiamo per portare avanti, dalla riduzione dei tempi del processo alla revisione dell'ordinamento giudiziario, deve mirare a consegnare al cittadino una giustizia, non soltanto pi efficiente e celere, ma anche e soprattutto pi credibile attraverso il recupero della fiducia nella magistratura". "Occorre lavorare seriamente, senza sosta, perch i recenti scandali che hanno indebolito l'immagine della magistratura agli occhi della collettivit impongono la necessit di attivare un percorso di riscatto morale, anche per tutelare la gran parte di magistrati che quotidianamente lavora con sobriet e professionalit, non pensando esclusivamente a gratificazioni di carriera e non cercando visibilit".