de Magistris: da Napoli inizio di un nuovo umanesimo dal basso

Aff

Napoli, 30 set. (askanews) - "In questi anni di buio politico nazionale, Napoli è andata controcorrente. In una comunità con più sofferenze che altrove. Il pensiero dominante è stato consumismo universale senza regole e privatizzazioni selvagge, noi abbiamo puntato sui beni comuni, a cominciare dall'acqua". E' il post su Facebook del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

Per il sindaco della città Metropolitana, se altrove "si praticano egoismi e concentrazioni delle ricchezze, Napoli ha scelto la costruzione di un nuovo umanesimo dal basso e la produzione di un'economia circolare. Altri vivono con finanza speculativa ed accumulazione del denaro, noi abbiamo messo al centro le persone e la democrazia partecipativa. Laddove si pensa che con la cultura non si mangia e non si crea sviluppo, nella nostra terra la cultura è arma decisiva di riscatto. Ove dilaga depressione e rassegnazione, a Napoli si è sprigionata un'energia umana vulcanica gioiosa e contagiosa".

"Mi piace pensare che a Napoli si stia vivendo una fase di Illuminismo ed umanesimo. Un fermento vitale e culturale per una città cosmopolita. Non ci potrà essere, però, consolidamento del lavoro fatto se non si realizza la capacità di migliorare l'efficienza e la qualità dei nostri servizi, necessari anch'essi per il raggiungimento della felicità di una comunità. Il mio impegno è senza sosta per realizzare servizi e decoro urbano all'altezza delle bellezze ritrovate. Servono fatti ed agire comune. I risultati si vedranno presto. Pazienza e tenacia, mai mollare: ogni risultato è il frutto di una conquista" conclude de Magistris.