de Magistris: no zona rossa per paura rivolte? Lettura sconcertante

Aff
·1 minuto per la lettura

Napoli, 13 nov. (askanews) - "La zona rossa non viene dichiarata per paura di rivolte? Non lo so, le interpretazioni possono essere tante e una è questa". Così il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, su Radio 24. "La zona rossa la annunciò il presidente della Regione Campania in modo roboante una quindicina di giorni fa e, pochi minuti dopo, siccome fu una notizia che suscitò scalpore perché non era accompagnata da informazioni adeguate di ristoro, creò quello sconcerto. E' una lettura, ma è una lettura un po' sconcertante, perché a Napoli la maggior parte delle manifestazioni sono pacifiche. Se la situazione sanitaria è drammatica basta spiegare che bisogna fare più restrizioni, contestualmente prevedi i ristori e si va avanti". De Magistris prosegue specificando che che nelle ultime settimane ci sono state a Napoli "non meno di venti manifestazioni, tutte pacifiche. Quella", riferendosi alla manifestazione del 23 ottobre poi sfociata in disordini nei pressi di Palazzo Santa Lucia, "è stata una manifestazione particolare in cui alcune frange violente si sono infilate in un corteo pacifico. Ma non è l'unica lettura, possono essercene altre: una può essere che i dati che noi leggiamo ogni giorno non corrispondono alla realtà dei posti letto disponibili".