Maglie contro Mahmood: "Si chiama Maometto, la frasetta in arabo c'è: vincitore annunciato"

ANSA

"Un vincitore molto annunciato. Si chiama Maometto, la frasetta in arabo c'è, c'è anche il Ramadan e il narghilè, e il meticciato è assicurato. La canzone importa poco, avete guardato le facce della giuria d'onore?". Maria Giovanna Maglie, la giornalista in predicato di prendere la guida della nuova striscia post-tg su Rai1, su Twitter va all'attacco delle giurie tecniche, che a suo giudizio avrebbero indirizzato le loro preferenze su Mahmood ribaltando così il risultato del televoto.

In un altro tweet, precisa il significato di "meticciato": "Combinazione di elementi linguistici o culturali di diversa provenienza o natura. In questo caso privilegiato sulla qualità di una canzone. Per il resto, il razzismo è nella testa di chi legge e vorrebbe impedire il pensiero critico".



Continua a leggere su HuffPost