Mahmood secondo all'Eurovision. Laura Pausini: "Con un testo in italiano, gigante!"

HuffPost

L’Italia con Mahmood e il suo brano “Soldi” ha raggiunto un ottimo secondo posto all’Eurovision che mancava dal 2011, quando a ottenerlo fu Raphael Gualazzi con “Follia d’Amore”.

Al vincitore dell’ultimo festival di Sanremo, inoltre, è stato assegnato anche il Composer Award, premio per la migliore composizione. Gli utenti dei social network hanno seguito attentamente l’Eurovision, lasciandosi andare a numerosi commenti intorno a quello che per l’Italia è stato un ottimo risultato.

“Bravo @mahmood_music . Orgoglio”, ha scritto su Twitter il presentatore Alessandro Cattelan. I complimenti sono arrivati anche da una delle principali esponenti della musica italiana a livello internazionale, Laura Pausini, che in una storia Instagram si è congratulata con Mahmood aggiungendo che “arrivare secondo con un brano cantato in italiano oggi è veramente un traguardo gigante”.

Non manca poi ovviamente una buona dose d’ironia tra gli utenti: Eugenio Gennaro Durante ironizza sulla RAI e immagina che, nel vedere Mahmood potenziale vincitore, l’azienda radiotelevisiva italiana abbia temuto di dover organizzare l’anno prossimo l’Eurovision. Antonio, invece, fa le pulci al compositore Mogol, che dopo la vittoria di “Soldi” a Sanremo aveva definito il testo come carino, ma che poteva migliorare.

Nello specifico, l’utente fa notare come Mahmood abbia vinto il premio per la miglior composizione all’Eurovision. E l’ironia non manca quando, quest’anno, è stato rovesciato un classico tormentone: quello di San Marino che non assegna punti all’artista italiano in gara, in barba alla convenzione che vuole che i Paesi attribuiscano più punti a quelli storicamente, culturalmente e territorialmente più affini. Quest’anno, infatti, gli spettatori della piccola repubblica del Monte Titano hanno, verrebbe da dire a sorpresa, assegnato 12 punti, il massimo, alla canzone di Mahmood, lasciando sorpresi prima di tutto gli utenti dei social.

“19...

Continua a leggere su HuffPost