Mahmood stona all'evento di Radio Zeta: le reazioni

Mahmood
Mahmood

Mahmood è stato uno degli artisti che si sono esibiti sul palco del concerto di Radio Zeta, ma alcune delle sue stonature non sono passate inosservate al popolo del web.

Mahmood stona a Radio Zeta

Sui social si è scatenato un ptuiferio contro Mahmmod, che avrebbe stonato durante la sua esibizione all’evento di Radio Zeta. In tantissimi tra i fan del cantante hanno ironizzato sulla vicenda o si sono lamentati per l’esibizione del vincitore di Sanremo, che forse per problemi tecnici avrebbe preso diverse “stecche” durante la sua performance.

Mahmood al momento non ha rotto il silenzio in merito alla questione, e in tanti tra i suoi fan si chiedono se lo farà. Durante l’evento Mahmood ha cantanto alcuni dei suoi brani più famosi: come  Inuyasha, Kobra e la più recente Brividi (con cui ha trionfato al Festival di Sanremo). “Mahmood è ubriaco”, ha scritto qualcuno sui social, mentre un altro utente ha aggiunto: “Mahmood stasera senza voce, date una Benegol a quell’uomo”. 

Il successo

Nonostante lo scivolone fatto all’evento di Radio Zeta, Mahmood continua a godersi il successo acquisito grazie alla sua vittoria al Festival di Sanremo e grazie alla sua partecipazione all’Eurovision Song Contest. Il cantante ha trionfato all’Ariston insieme al più giovane collega Blanco, con cui ha scritto il brano Brividi.

“Ci abbiamo messo 5 mesi per fare questo pezzo, ma sempre con grande semplicità. Tutto è successo per caso, dal nostro incontro nello studio di registrazione a quando abbiamo sentito quel ritornello. Poi, per tre mesi non ci siamo visti e ognuno ha avuto modo di lavorare per conto suo. Quando ci siamo rivisti, abbiamo sentito subito un certo feeling. Ho ascoltato quella canzone e dentro di me sapevo che mi stava dando e mi avrebbe dato tanto”, aveva dichiarato Mahmood in merito alla nascita del brano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli