Mai così poveri dal 2005. Istat: "Nel 2020 stessi morti degli anni della guerra"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
Man holding and showing an empty wallet (no money). (Photo: athima  tongloom via Getty Images)
Man holding and showing an empty wallet (no money). (Photo: athima tongloom via Getty Images)

’Nell’anno della pandemia la povertà ha raggiunto in Italia i livelli più elevati da quando è disponibile la serie storica, cioè dal 2005″. Lo afferma il presidente dell’Istat, Gian Carlo Blanciardo, in audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato, impegnate nell’esame del def.

Un altro dato che desta allarme è quello dei decessi. “Il 2020 è stato un anno che ha accentuato una debolezza preesistente. Abbiamo avuto un’impennata morti”, che sono stati 746.000, con “un valore che andiamo a ritrovare nella storia d’Italia solo nel 1942, 1943 e 1944″, cioè gli anni della seconda guerra mondiale. Lo afferma il presidente dell’Istat, Gian Carlo Blanciardo, in audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato, impegnate nell’esame del def.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.