Maialina rubata a Torino, l’appello: “Non mangiatela, ha un tumore”

maialina-rubata-torino

Arriva da Borgofranco d’Ivrea, in provincia di Torino, la triste storia di una piccola maialina domestica ammalata di tumore e rubata dall’abitazione dei suoi padroni nella giornata del 3 dicembre scorso. L’animale si chiama Prince e come precisato nell’appello pubblicato sul web dai suoi proprietari sta attualmente svolgendo dei cicli di chemioterapia per curare un tumore che l’aveva colpita. I suoi padroni chiedono pertanto a chiunque l’abbia trafugata per cucinarla di non mangiarla in alcun modo poiché è altamente tossica.

L’appello per una maialina rubata a Torino

Come racconta la signora Cristina Gallarato, cugina della proprietaria di Prince, la maialina era stata adottata durante un viaggio in Sicilia e si era subito adattata all’ambiente domestico: “Siete arrivati con un furgone, avete tagliato la rete per entrare nel giardino di mia cugina. Prince è scappata nella sua casina. Lei che non sporcava mai di escrementi la sua casina ha fatto la cacca dappertutto perché l’avete terrorizzata”.

La donna fa inoltre riferimento alla malattia di cui purtroppo soffriva Prince, sottolineando come anche volendo non sarebbe possibile mangiarla a causa della sua tossicità: “Prince era malata. Faceva la chemioterapia per cui non potrete neanche cibarvene. Vi prego riportacela a casa. Si offre ricompensa! Per favore portatela a casa”.

La ricompensa dei proprietari

Nell’appello pubblicato sui social si può inoltre leggere come i proprietari siano disposti anche a ricompensare chiunque ritrovi la maialina con il triplo del suo valore: “Prince ha un tumore e sta facendo chemioterapia perciò è altamente tossica ma la sua padroncina le vuole molto bene. A chi ce la riporta offriamo un pagamento pari al triplo del suo valore”.