Malattia di Crohn e colite ulcerosa: arriva lo spot di Paolo Genovese -2-

Mpd

Roma, 19 set. (askanews) - Lo spot intende inoltre fornire un messaggio di speranza agli oltre 200mila pazienti italiani affetti da MICI, tra cui molti giovani e giovanissimi, che ne sono colpiti, perché convivere con la Malattia di Crohn o la Colite Ulcerosa è possibile, anche senza rinunciare ai propri sogni, come conferma l'atleta della Nazionale di nuoto Simone Sabbioni, testimonial di IG-IBD.

"Sono felice e emozionato di vedere così tanto dinamismo e attività attorno al tema delle MICI - ha detto -. Essere qui come testimone della mia vicenda mi riempie di orgoglio e mi ritengo fortunato della mia condizione e del mio attuale stato di paziente in remissione, che guarda agli impegni professionali della vita con rinnovata fiducia. Programmi? Ottobre, per me, sarà un mese di allenamenti e di gare, prima a Indianapolis e poi a Napoli. - Dopo alcuni allenamenti in altura a Livigno, mi aspetterà una nuova tappa della ISL a Londra. Dicembre sarà il mese più complesso: avrò gli Europei a Glasgow, poi gli Italiani a Riccione per le qualificazioni olimpiche ma, dato che i tempi saranno molto bassi, superarle sarà una dura sfida".

"Mi sono avvicinato a queste malattie, e soprattutto a quella di Crohn, perché abbiamo scoperto alcuni anni fa che mio figlio Pietro, oggi ventenne, ne era affetto - ha rivelato il regista Paolo Genovese - il grave problema di queste malattie, è quello dell'identificazione della diagnosi: quella di Crohn è una malattia strana, non facilmente diagnosticabile, perché i suoi sintomi sono confondibili con quelli di tante altre malattie, come ad esempio il colon irritabile. L'incontro con il Professor Armuzzi, che ci ha preso in cura, ci ha permesso, da allora, di poter gestire la malattia. La terapia ha dato i suoi frutti e adesso mio figlio conduce una vita assolutamente normale".