Maldini sulla Superlega: "Mi scuso coi tifosi, non solo del Milan. Non sapevo niente"

Matteo Baldini
·1 minuto per la lettura

A tenere banco è ancora la Superlega, progetto nato e subito tramontato nell'arco di due giorni: un progetto che ha suscitato tante critiche e prese di posizione perentorie, critiche che curiosamente arrivano anche da elementi importanti dei club coinvolti. Questo, ad esempio, quanto affermato da Paolo Maldini, dt del Milan, ai microfoni di Sky Sport:

La dirigenza rossonera | Marco Luzzani/Getty Images
La dirigenza rossonera | Marco Luzzani/Getty Images

"Non sono mai stato involto nelle discussioni legate alla Superlega, ho saputo la notizia solo domenica, come tutti voi, attraverso i comunicati congiunti che sono stati pubblicati. E’ una cosa che si è decisa a livello più alto rispetto a quello che è il mio ruolo. In ogni caso, questa premessa sinceramente non mi esenta dall’assumermi la responsabilità di scusarmi con i tifosi del Milan, ma non solo, che si sono sentiti traditi dai principi fondamentali dello sport che noi abbiamo sempre rispettato".

Maldini ha poi proseguito: "E' normale che nel 2021 un dirigente di una grande squadra non possa non sapere che i ricavi e la sostenibilità siano concetti importanti, ma se possiamo ricavare un insegnamento da questa vicenda è quella di aver capito fino a dove ci possiamo spingere. Sicuramente non cambiare i principi dello sport che sono fatti di meritocrazia e di sogni che devono essere garantiti a tutti."

Segui 90min su Instagram.