Mali, presidente ammette di aver stabilito contatti con i jihadisti -2-

Fco

Roma, 10 feb. (askanews) - Questo annuncio mette nero su bianco la rottura con otto dei massimi leader maliani, che finora hanno ufficialmente respinto questo dialogo. Alla fine di gennaio, l'alto rappresentante del presidente per il Mali centrale, Dioncounda Traoré, anche lui ex presidente, ha dichiarato di aver "inviato personalmente emissari da (Amadou) Koufa e Iyad (ag Ghali)", i due principali leader jihadisti nel Paese. "Siamo pronti ad aprire strade per dialogare con tutti (...) A un certo punto devi sederti intorno a un tavolo e discutere", ha detto.

Dioncounda Traoré "è in missione per me" e "ha il dovere di ascoltare tutti", ha dichiarato il presidente Keita. La sua missione è determinare se alcune persone nell'entourage dei capi possono essere "sensibili a un discorso di ragionamento", ha detto Keita.