Mali, prorogata la missione dell'Onu ma senza aerei francesi

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha prorogato di un anno la missione militare Minusma nel Mali, ma senza il supporto aereo francese. Un dettaglio che potrebbe spingere altri paesi europei a lasciare la forza multinazionale, che conta su un organico di 15.000 tra soldati e agenti di polizia.

Istituita nel 2013, con la partecipazione anche di Germania e Regno Unito, la missione Minusma registra il più alto numero di caduti di tutte le missioni di pace delle Nazioni Unite.

All'inizio di giugno il governo del Mali aveva annunciato che non avrebbe più permesso agli aerei francesi, di stanza nel Ciad, di operare sul proprio territorio.

La possibile riduzione della missione Minusco e il ritiro francese dal Mali, secondo un rapporto riservato presentato al Consiglio di Sicurezza, potrebbe dare ossigeno alle organizzazioni jihadiste presenti in quell'area, da al-Qaida allo Stato Islamico. Secondo il documento, "la riconfigurazione militare in corso rischia di minare gli sforzi contro il terrorismo compiuti in passato".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli