Malore a bordo dell’aereo, passeggero di 50 anni muore davanti agli occhi degli altri viaggiatori

coronavirus-easyjet
coronavirus-easyjet

Tragedia a bordo di un volo EasyJet partito da Cipro e diretto a Londra. Uno dei passeggeri che stava attraversando i cieli d’Europa a bordo del veivolo è morto in seguito a un malore improvviso che l’ha stroncato a soli 50 anni. Il tutto si è verificato davanti agli occhi degli altri viaggiatori, che non hanno potuto fare nulla per salvarlo.

Malore in aereo, morto passeggero

Il tragico evento si è verificato nella giornata di giovedì 17 novembre a bordo del volo EasyJet EZY8454, decollato a Cipro e diretto verso l’aeroporto londinese di Gatwick. Mentre il veivolo stava sorvolando la zona di Parigi, il 50enne, che stava viaggiando da solo, ha accusato un malore e si è accasciato improvvisamente sul sedile.

I passeggeri seduti di fianco a lui hanno immediatamente lanciato l’allarme e avvertito l’equipaggio, che però non ha potuto fare nulla per salvare il 50enne. Ogni tentativo di rianimarlo – compreso l’utilizzo di un defibrillatore e la pratica di manovre di rianimazione – si è rivelato vano.

La salma è stata dunque coperta e i passeggeri che viaggiavano vicino alla vittima sono stati accompagnati ad altri sedili. Il decesso è stato ufficialmente dichiarato dai paramedici saliti a bordo dell’aereo a Gatwick.

Le parole del portavoce di EasyJet

“EasyJet può confermare che purtroppo un passeggero è deceduto a bordo del volo EZY8454 da Paphos a Londra Gatwick il 17 novembre” ha dichiarato un portavoce della compagnia aerea. “Il benessere dei nostri passeggeri e dell’equipaggio è sempre la massima priorità di EasyJet. Il nostro equipaggio è addestrato a rispondere a problemi medici e ha fatto tutto il possibile durante il volo. I nostri pensieri vanno alla famiglia e agli amici del cliente e stiamo offrendo supporto e assistenza in questo momento difficile”.

Alcuni dei passeggeri a bordo hanno dichiarato che l’equipaggio “ha fatto assolutamente tutto” il possibile per salvare la vittima e che “ha gestito la situazione con straordinaria compostezza e professionalità”.

LEGGI ANCHE: