Malore Eriksen, videochiamata dall’ospedale con il Danimarca

·2 minuto per la lettura
Videochiamata
Videochiamata

Il centrocampista Christian Eriksen, attualmente ricoverato presso l’ospedale di Copenaghen, ha avuto modo di parlare con i suoi compagni di squadra della nazionale danese attraverso una videochiamata.

Eriksen e la videochiamata con i compagni di squadra della nazionale

Nella mattinata di domenica 13 giugno, nonostante la degenza in ospedale, Christian Eriksen ha potuto mettersi in contatto con i compagni di squadra della Danimarca attraverso una videochiamata.

Il malore avvertito in campo dal centrocampista durante la partita Danimarca-Finlandia di sabato 12 giugno ha sconvolto e terrorizzato gli altri giocatori della nazionale danese.

In questo contesto, sono entrate, ormai, nell’immaginario comune le commoventi e drammatiche immagini che ritraggono il capitano della nazionale Simon Kjaer mentre presta il primo soccorso al centrocampista mentre gli altri calciatori, con gli occhi lucidi e i lineamenti del volto stravolti, si raccolgono intorno al corpo esanime di Eriksen, creando uno scudo umano volto a proteggere il 29enne e la sua privacy dall’insistenza delle telecamere.

Enorme, quindi, il sollievo della nazionale nell’apprendere dell’avvenuta rianimazione del compagno di squadra, seguito poi dalla gioia di poter rivedere il calciatore in videochiamata, nella mattina di domenica.

Eriksen e la videochiamata con i compagni di squadra della nazionale: il ct Hjumland

La notizia della videochiamata che ha consentito ai professionisti della nazionale danese di sincerarsi in prima persona delle attuali condizioni di Christian Eriksen è stata comunicata dal ct della Danimarca, Kasper Hjumland, nel corso di una conferenza stampa organizzata in sinergia con il direttore sportivo Peter Møller e il medico della nazionale danese Morten Boesern.

In questa circostanza, infatti, l’allenatore Hjumland ha riferito: “Stamattina gli abbiamo parlato tutti in videochiamata e abbiamo visto il suo sorriso sullo schermo del telefono. Pensa sempre agli altri più che a se stesso. Vuole che continuiamo a giocare e lo faremo. Giocheremo per Christian. Ci ha detto che sta bene e ci ha chiesto come stavamo. Davvero pensa più a noi che a lui. Ora noi cercheremo di riprendere la normalità e sappiamo che per alcuni calciatori sarà molto più difficile rispetto ad altri e chi ne ha bisogno avrà un aiuto psicologico”.

Eriksen e la videochiamata con i compagni di squadra della nazionale: “Voi come state?”

Il ct della Danimarca, inoltre, ha anche spiegato che, nel corso della videochiamata, Chrstian Eriksen ha raccontato quanto segue: “Ha detto che non ricorda molto, era preoccupato lui per noi e per la sua famiglia. Nelle parole che ci ha detto è emersa tutta la sua generosità e la sua grandezza come persona. È stato bello vederlo sorridere – e ha aggiunto –. Ci ha chiesto ‘Come state? Forse voi peggio di me, ma adesso sento che devo uscire per allenarmi’”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli