Malore nella piscina comunale di Fermo: morto ragazzo disabile

malore in piscina fermo

Dramma a Fermo, nelle Marche. Un ragazzo disabile è morto dopo aver avuto un malore mentre stava nuotando nella piscina comunale. La tragedia si è verificata nella giornata di giovedì 24 ottobre. Sul posto sono accorsi i soccorritori della Croce Verde e della Croce Azzurra, ma per il giovane non c’è stato niente da fare.

Malore in piscina a Fermo

L’identità della vittima non è stata resa nota, ma secondo le prime indiscrezioni sembra si tratti di un trentenne affetto da disabilità. La tragedia si è verificata intorno alle ore 9.40. I primi a prestare soccorso al ragazzo colpito dal malore sono stati i membri del personale della piscina comunale di Fermo, anche attraverso l’utilizzo del defibrillatore presente nella struttura. Sul posto sono poi intervenuti anche i soccorritori della Croce Azzurra di Sant’Elpidio al Mare e della Croce Verde di Fermo. Sono in corso gli accertamenti dei Carabinieri per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

12enne morta a Lucca

In circostanze analoghe è morta anche Sofia Bernokopf, una ragazzina di 12 anni colta da un malore il 13 luglio mentre stava nuotando nella piscina Texasi di Marina di Pietrasanta, in provincia di Lucca. Il decesso risale al pomeriggio di mercoledì 17 dello stesso mese, quando i medici dell’ospedale di Massa hanno dichiarato la morte cerebrale. Sofia era in piscina con alcuni amici. Sono stati loro ad accorgersi che la 12enne non è più riemersa dall’acqua. Portata fuori dall’acqua, ha cominciato a vomitare e ha perso conoscenza. I medici le hanno diagnosticato una congestione (si sarebbe buttata nella vasca poco dopo mangiato) che ha provocato un arresto cardiaco. I genitori, dopo il decesso, hanno acconsentito alla donazione degli organi.