Malore per il padre della "bambina di legno"

·1 minuto per la lettura
Arianna Manzo, il padre finisce in ospedale dopo sciopero della fame
Arianna Manzo, il padre finisce in ospedale dopo sciopero della fame

È stato ricoverato in ospedale Eugenio Manzo, padre della 15enne Arianna nota come la “bambina di legno” a causa della grave disabilità che l’ha colpita a seguito di un noto caso di malasanità avvenuto al Cardarelli di Napoli quando aveva soltanto tre mesi di vita. L’uomo era infatti al quarto giorno di sciopero della fame, iniziato nella giornata di giovedì 16 luglio per protesta contro la decisione del Cardarelli di opporsi alla richiesta di risarcimento, quando è stato colto da malore.

TI POTREBBE INTERESSARE: Corsa al vaccino anti-Covid, Moderna in testa

Malore per il padre di Arianna Manzo

A causa del malore che lo ha colto, l’uomo è stato costretto ad abbandonare il presidio davanti al tribunale di Salerno, dove protestava contro la decisione dell’ospedale Cardarelli di opporsi al risarcimento di tre milioni di euro ottenuto dalla famiglia Manzo con la sentenza di primo grado. A seguito del caso di malasanità che la coinvolse 15 anni fa, Arianna Manzo è oggi tetraplegica, sorda, ipovedente e affetta da attacchi di convulsioni che hanno reso necessaria l’interruzione del presidio.

Malgrado il dolore retrosternale e le esortazioni dei medici a rimanere a riposo per evitare complicazioni l’uomo, che è anche cardiopatico, ha chiesto di poter essere dimesso per potersi recare a casa a prendersi cura della figlia. Con la madre al lavoro infatti, Arianna non può permettersi di rimanere da sola a casa, avendo costante bisogno di essere seguita anche nelle più piccole attività della vita quotidiana.