Maltempo 26 dicembre, Sante Stefano con freddo e neve

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Freddo e neve, pioggia e vento. E' il quadro che le previsioni meteo delineano per il 26 dicembre, Santo Stefano. Una perturbazione di origine nord-atlantica avanza progressivamente verso il nostro Paese, apportando un graduale peggioramento delle condizioni meteo sulle regioni settentrionali, in estensione, dalla serata anche al centro-sud, con nevicate fino a quote basse al centro, temporali sui versanti tirrenici meridionali e un deciso rinforzo della ventilazione sulla Sardegna. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra quello diramato nella giornata di ieri.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche. L’avviso prevede dalla tarda serata di oggi, nevicate a quote superiori ai 400-600 metri su Abruzzo e Umbria, con apporti al suolo moderati fino ad abbondanti sull’Abruzzo, e a quote superiori ai 600-800 metri sulla Sardegna, con apporti al suolo da deboli a moderati. Previste, inoltre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania, Basilicata e Calabria, specie sui versanti tirrenici, con rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Attesi venti di burrasca o burrasca forte, dai quadranti settentrionali, sulla Sardegna, con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni in atto e previsti è stata valutata per la giornata di domani, sabato 26 dicembre, allerta gialla su parte dell’Emilia-Romagna, su Marche, Umbria, parte del Lazio, su Abruzzo, Molise. Campania, Puglia, parte della Basilicata, sulla Calabria e in alcune aree della Sicilia.