1 / 20

Pescara, violenta grandinata

Maltempo sulla costa abruzzese, violenta grandinata a Pescara con chicchi grandi come arance

Maltempo: a Pescara chicchi di grandine come arance, diversi feriti

Una violenta ondata di maltempo si è abbattuta sulla costa adriatica abruzzese. Dopo aver colpito in tarda mattinata Pineto e Silvi (Teramo), un forte temporale si è abbattuto su Pescara, accompagnato da una lunga grandinata, con chicchi di ghiaccio grandi come arance.

Diciotto fino ad ora le persone finite in pronto soccorso nella città abruzzese per le ferite provocate dai chicchi di grandine. In ospedale anche una donna incinta, con ferite al volto e al capo. I pazienti, in pronto soccorso, hanno riportato contusioni e ferite principalmente al capo, e sono tutti da suturare. In città il fenomeno ha provocato danni consistenti: auto danneggiate, parabrezza e vetri infranti, tetti danneggiati. Numerosi i disagi per la circolazione a causa di un violento nubifragio in atto, diverse strade si sono trasformate in veri e propri fiumi con acqua alta fino a dieci centimetri.

GUARDA IL VIDEO: Grandinata record a Pescara, 30 feriti e strade allagate

Attivato il centro operativo comunale per gestire l’emergenza maltempo. Il sindaco di Pescara Carlo Masci ha lanciato l’allarme: “La città è impraticabile. Vigili e operai sono tutti in strada ma non sono sufficienti a gestire l’emergenza. Ho già contattato la Regione per ottenere la richiesta di risarcimento danni”.

Fenomeno mai visto, mai ricordato. Ci troviamo di fronte ad una situazione meteorologica nuova”. Lo dice all’Ansa Carlo Maggitti, comandante della Polizia Municipale di Pescara, che ha ribadito lo stato d’emergenza nella città abruzzese: “Stiamo intervenendo per liberare persone bloccate nelle auto in mezzo all’acqua, le strade sono ridotte a fiumi”.

LEGGI ANCHE - Inferno di pioggia e vento nelle Marche: spiagge devastate

Tre comuni del Vastese chiedono lo stato di calamità

Chiesto lo stato di calamità naturale per i danni subiti in tre comuni costieri intorno a Vasto (CH). La violenta grandinata ha sfondato tetti, spezzato alberi e rotto parabrezza e lunotti delle auto.

A Casalbordino un’auto è rimasta bloccata nel sottopasso ferroviario, un camion si è ribaltato sulla Statale 16 nel tratto fra San Salvo e Petacciato, a San Salvo manca la corrente elettrica nel centro storico.

Una donna ferita a Milano Marittima

E un ferito si registra anche a Milano Marittima, in provincia di Ravenna, dove sempre questa mattina si è abbattuta una tempesta di pioggia e vento. Si tratta di una donna portata all'ospedale Bufalini di Cesena, in condizioni serie, anche se non sarebbe in pericolo di vita. Diversi gli alberi abbattuti, tra cui circa 200 pini secolari, ma anche segnali stradali, cartelli e infrastrutture mobili divelte, come spiega in una nota il Comune di Cervia. “Il danno ambientale è rilevante. La tromba d’aria ha danneggiato un’area di circa 800 metri, dalla pineta ai viali alberati, fino alla spiaggia”, queste le parole del primo cittadino di Cervia Massimo Medri ai microfoni di Ravennanotizie.it.

Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ha annunciato il suo arrivo nella zona colpita dal maltempo: “Alle 18.30 sarò a Milano Marittima per un sopralluogo dove sono accaduti i danni, voglio andarci subito. Purtroppo abbiamo bisogno di fare interventi sulla sostenibilità ambientale perché i cambiamenti climatici ogni giorno causano danni drammatici e a volte anche perdita di vite umane. Sarò là oggi perché vogliamo andare a verificare di persona e vogliamo anche dire che le istituzioni ci sono e ci saranno”.

LEGGI ANCHE - Maltempo in Emilia, grandine fino a 7 centimetri di diametro

Danni in Molise

La violenta grandinata ha colpito il Molise. In particolare a Venafro (Isernia) si contano danni alle abitazioni, con tetti danneggiati e vetri di balconi e finestre distrutti, e alla carrozzeria dei veicoli in transito e parcheggiati. Il manto stradale è stato ricoperto da grandine grossa come palline di ping pong, provocando il blocco temporaneo nella circolazione. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, ma qui al momento non si segnalano persone ferite.

Un disperso a Taranto

A causa delle forti raffiche di vento una gru operante sul quarto sporgente dello stabilimento ArcelorMittal Italia di Taranto è stata abbattuta precipitando in mare e una persona risulta dispersa. Sono stati immediatamente attivati i soccorsi.