Maltempo: allerta arancione in Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Il minimo depressionario, attualmente sul Mediterraneo centrale, nel suo lento spostamento verso Sud-Est, continua a causare una spiccata instabilità con temporali sparsi su gran parte delle regioni meridionali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende il precedente. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche.

L’avviso prevede dal mattino di domani, venerdì 7 agosto, il persistere di precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Puglia, Basilicata e Calabria, in estensione alla Sicilia, specie sui settori nord-orientali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni in atto e previsti, è stata valutata per oggi e domani, venerdì 7 agosto, allerta arancione in Puglia e su gran parte della Basilicata. Allerta arancione domani anche in Calabria e sulla Sicilia nord-orientale. Valutata inoltre, sempre per la giornata di domani, 7 agosto, allerta gialla sui restanti settori della Sicilia e della Basilicata, su alcuni bacini della Lombardia e sull’intero territorio di Abruzzo e Molise.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile, insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.