Maltempo in Calabria, la pioggia fa esondare torrente a Vibo Valentia

maltempo-calabria-torrente

Paura in Calabria, dove a causa del maltempo che in questi giorni sta colpendo la regione un torrente è esondato nel comune di Pizzo, in provincia di Vibo Valentia. A seguito della rottura degli argini le acque hanno invaso il terreno e l’abitazione di una coppia di anziani residenti nella contrada di Pirari, i quali sono stati però tempestivamente salvati dai Carabinieri giunti sul posto. Segnalata anche l’esondazione di un secondo torrente a Vibo Valentia, quest’ultimo subito rientrato grazie all’intervento dei tecnici comunali.

Maltempo in Calabria, esondato torrente a Pizzo

A causa delle forti piogge il torrente che scorre nei pressi della contrada di Pirari ha rotto gli argini esondando nell’agrumeto della coppia di anziani. I due sono stati in seguito salvati dalle Forze dell’Ordine prima che potessere rimanere intrappolati tra le acque.

L’esondazione a Pizzo segue peraltro di poche ore quella del torrente Sant’anna avvenuta a Bivona, frazione del comune di Vibo Valentia. In quel caso il torrente è in seguito rientrato nei propri argini senza provocare danni ingenti. Disagi inoltre sulla strada provinciale 45, dove all’altezza dei comuni di Polia e Francavilla Angitona i soccorritori hanno dovuto intervenire al fine di liberare una decina di automobili che erano rimaste intrappolate dal fango.

Richiesto lo stato di emergenza

A fronte degli estremi disagi sopraggiunti con il maltempo, il presidente della regione Calabria Mario Oliverio ha fatto richiesta per il riconoscimento dello stato di emergenza: “In modo da dare una pronta risposta ai danni che si sono registrati e continueremo le azioni di prevenzione, garantendo sempre un forte supporto ai sindaci calabresi, per far sì che il nostro territorio, particolarmente fragile, possa affrontare questi eventi meteorologici violenti”. Nel comune di Reggio Calabria, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha disposto la chiusura delle scuole in via precauzionale, malgrado la stessa Protezione Civile abbia declassato l’allerta meteo da rossa ad arancione.