Maltempo, centrodestra chiede stato emergenza per provincia Cuneo

Pol-Afe

Roma, 27 nov. (askanews) - "Dichiarare subito lo stato di emergenza e stanziare nella legge di bilancio 100 milioni per fronteggiare le devastazioni subite dal territorio della provincia di Cuneo". Lo hanno chiesto stamani nel corso di una conferenza stampa al Senato cinque parlamentari del centrodestra: Giorgio Bergesio e Flavio Gastaldi (Lega), Marco Perosino e Enrico Costa (Forza Italia) e Monica Ciaburro (Fratelli d'Italia), eletti in provincia di Cuneo.

"La situazione in provincia di Cuneo è letteralmente precipitata negli ultimi giorni - ha spiegato Bergesio - si registrano danni notevoli alle strade, all'agricoltura, alle abitazioni, alle attività delle imprese e per questo chiediamo che il governo dichiari lo stato di emergenza al primo Consiglio dei Ministri".

"Non dimentichiamo certo le altre regioni e province colpite dal maltempo - ha aggiunto Marco Perosino - ma Cuneo soffre dei mancati ristori risalenti a diverse alluvioni degli anni scorsi e la Provincia, con i tagli subiti, non è più in grado di affrontare una situazione che rischia di sfuggire di mano. Serve quindi da subito uno stanziamento in favore dell'Ente provinciale e fondi in conto capitale per provvedere a tutte le devastazioni del territorio. A tal fine abbiamo presentato insieme con Bergesio alcuni emendamenti alla Bilancio e chiediamo che il governo li accolga".

Enrico Costa ha chiesto che il governo permetta ad Anas di realizzare velocemente il tratto Ceva-Ormea della Statale 28, anche alla luce della situazione drammatica che vive la Liguria che ha creato un isolamento pressocchè totale con la nostra provincia". Gastaldi e Ciaburro hanno sottolineato, infine, l'urgenza di aiutare i comuni piccoli e montani che non riescono a far fronte a tutte le necessità, dal servizio di spalata della neve alla manutenzione viaria. Non si può contare solo sui volontari a cui va un grande ringraziamento".