Maltempo in Emilia-Romagna, Bonaccini: Regione pronta a far fronte -3-

Red/Gtu

Roma, 19 nov. (askanews) - Sul fronte dei servizi, è sceso il numero delle utenze Enel disalimentate: in mattinata se ne contavano circa 450 residue in regione, ma la situazione resta in evoluzione per le nuove nevicate sull'Appennino, che tra Piacenza e Parma, sembrano avere causato ulteriori distacchi. Sia nel piacentino che nel modenese si prevede, compatibilmente con la situazione meteo, la soluzione del problema nel tardo pomeriggio. Si è intanto normalizzata la situazione delle mareggiate sulla costa.

Per quanto riguarda le previsioni meteo è confermata per domani, mercoledì 20 novembre e valida tutta la giornata, l'allerta Rossa per criticità idraulica sui bacini idrografici di Reno e affluenti, che si estende ora anche alle aree attraversate da Secchia e Panaro, in provincia di Modena. Il grado elevato di allerta è giustificato dalle rotture arginali tuttora presenti (l'Idice a Budrio ed il Canale diversivo Burana a Finale Emilia, Modena) e dalla propagazione delle piene nelle zone di valle tra il pomeriggio di oggi e la mattina di domani. Anche il parziale scioglimento della neve caduta in Appennino contribuisce ad ingrossare i corsi d'acqua.

È previsto che il Secchia tocchi a valle la soglia 3 questa notte, mentre il Reno raggiunga la soglia 2 a Casalecchio Chiusa nel pomeriggio di oggi. La piena del Reno si propagherà poi a Bonconvento verso le ore 23 con una altezza prevista di circa 11 metri e a Cento (Ferrara) domani mattina, tra le ore 4 e le 6, con una altezza stimata di 8.50 metri. Per criticità idraulica sono poi in codice arancione i bacini emiliani centrali e orientali nelle zone di montagna e collina e la zona di pianura di Parma e Piacenza, dove potrebbe ripercuotersi lo scioglimento della neve caduta in Appennino, con medie tra i 60 e gli 80 cm sopra i 1200 metri di altitudine.(Segue)