Maltempo, Foroni: in Lombardia lento ritorno alla normalità -2-

Red-Alp

Milano, 8 ago. (askanews) - Al momento sulla regione non sono in corso precipitazioni. I quantitativi massimi di pioggia cumulata registrati nelle ultime 12 ore nelle province di Brescia, Como e Milano hanno raggiunto 70 mm, in provincia di Bergamo 65 mm, a Lecco 58 mm e Varese 54 mm. I livelli idrometrici dei principali corsi d'acqua hanno subito incrementi, rimanendo comunque al di sotto delle soglie di allerta e sono ora in diminuzione. La Sala Operativa regionale, in contatto con i Comandi Provinciali dei vigili volontari del fuoco, sta monitorando costantemente la situazione e l'evoluzione dei fenomeni in atto.

Sempre secondo quanto riferito dalla Regione: la situazione in Lombardia è la seguente: in provincia di Lecco, a Casargo, a causa del violento nubifragio che ha danneggiato auto e provocato colate detritiche, rendendo la SP 67 inagibile, la strada risulta ancora chiusa totalmente alla viabilità (anche ai mezzi di soccorso) tra località Piazzo di Casargo e Premana per verifiche su una condotta del gas metano interessata da uno smottamento. Le 146 persone evacuate ieri sono attualmente ospitate presso il centro alberghiero locale. In provincia di Brescia, a Carpenedolo sono intervenute 6 squadre con motoseghe, dispositivi di protezione individuale e torri faro, per taglio alberature e rimozione alberi caduti. Nonostante le forti piogge non si sono verificati significativi allagamenti. Gli interventi sono iniziati ieri sera dopo le 21 e terminati alle 4 circa di questa mattina e hanno visto impegnati 30 volontari. Nei Comuni di Castrezzato e Roccafranca la situazione è rientrata lentamente alla normalità, le 6 squadre impegnate sono tornate in sede. A Rudiano sono state utilizzate 5 squadre di volontari, ora rientrate, per taglio alberature pericolanti e "sramature".

Nel Comune di Castelcovati è stata aperta un'Unità di crisi locale (UCL): i volontari di Protezione Civile hanno allestito in palestra circa 40 posti per ospitare persone evacuate dalle abitazioni danneggiate o parzialmente agibili a seguito della violenta tromba d'aria che ha colpito il paese e zone adiacenti. Hanno operato numerose squadre di vigili del fuoco, Croce Rossa Italiana (Cri) e forze dell'ordine, oltre a 4 squadre di Protezione Civile. Le squadre di volontari in parte sono state impegnate nel supporto ai vigili del fuoco nelle operazioni di taglio piante e attività di assistenza alla popolazione unitamente alla Croce Rossa Italiana, nonché per far fronte a tutte le esigenze logistiche dell'emergenza.

(segue)