Maltempo, geologi: nessuna sorpresa, maltrattato il territorio

Red/Nav

Roma, 24 nov. (askanews) - "Abbiamo maltrattato il territorio, modificando le morfologie dei luoghi, consumando suolo e impermeabilizzando grandi superfici, costruendo nelle aree destinate al transito delle acque. Gli eventi di cronaca che registriamo in questi giorni sono la naturale conseguenza del nostro agire. Se non abbiamo il coraggio di cambiare la politica applicando il principio della sostenibilità economica, sociale e ambientale dello sviluppo, saremo condannati a rincorrere le emergenze e magari avviare ricostruzioni negli stessi luoghi". Lo ha affermato oggi, Antonello Fiore, Presidente Nazionale della Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA).

Insomma "non dobbiamo meravigliarci troppo degli eventi che stiamo registrando in questi giorni - ha continuato Fiore - dobbiamo meravigliarci della frequenza con cui oggi accadano questi eventi. Dobbiamo rendici conto che non possiamo più parlare di eventi eccezionali se questi si ripetono ogni anno all'inizio dell'autunno. dal dopoguerra a oggi abbiamo maltrattato il territorio, modificando le morfologie dei luoghi, consumando suolo e impermeabilizzando grandi superfici, costruendo nelle aree destinate al transito delle acque. Gli eventi di cronaca che registriamo in questi giorni sono la naturale conseguenza del nostro agire. Se non abbiamo il coraggio di cambiare la politica applicando il principio della sostenibilità economica, sociale e ambientale dello sviluppo saremo condannati a rincorrere le emergenze e magari avviare ricostruzioni negli stessi luoghi".

Inoltre "abbiamo impermeabilizzato troppo le nostre città e le aree limitrofe a esse, abbiamo fogne bianche urbane, dove esistono, senza manutenzione e progettate 20-30 anni con un regime di precipitazioni non confrontabili con gli attuali. Serve cambiare la politica di uso del territorio - conclude il presidente Fiore - risanando gli errori del passato e progettando il futuro in maniera coerente. Serve educare i cittadini all'autoprotezione, serve una coscienza di adattamento al cambiamento climatico".