Maltempo in Lombardia, Coldiretti: "Sale conta danni in campagna"

Mch

Milano, 2 ago. (askanews) - Il maltempo in Lombardia, con grandine, temporali e forte vento, ha causato danni alle colture di mais e soia, così come a meloni e frutteti. Lo ha comunicato Coldiretti Lombardia in una nota nella quale fa la conta dei danni, in base alle segnalazioni che i tecnici stanno raccogliendo sul territorio dopo quelle della mattinata.

I chicchi di ghiaccio che si sono abbattuti sul Mantovano hanno colpito le produzioni tipiche del territorio, come il melone e le angurie. Investiti dalla tempesta anche meleti e vigneti oltre che mais, soia e kiwi. La grandine si è scatenata, inoltre, in varie zone del Varesotto, del Comasco e del Lecchese con danni a orticole e campi di fieno spianati. Maltempo anche nel Cremasco dove una tromba d'aria a Palazzo Pignano, ha sottolineato Coldiretti, ha danneggiato strutture aziendali e mezzi agricoli; mentre nella pianura bergamasca un forte nubifragio ha allettato il mais e ha scoperchiato cascinali.

La grandine, ha infine ricordato Coldiretti, è l'evento atmosferico più temuto dagli agricoltori perché i chicchi si abbattono su verdure, frutta e cereali prossimi alla raccolta provocando danni irreparabili alle coltivazioni mandando in fumo un intero anno di lavoro.