Maltempo, lunedì migliora al Centro-Nord ma poi mercoledì... -2-

Red/Nav

Roma, 24 nov. (askanews) - E' prevedibile per mercoledì una nuova, rapida perturbazione raggiungerà l'Italia. Al mattino precipitazioni soprattutto tra il settore alpino e il Nord-Ovest con possibili rovesci o temporali anche forti in Liguria; fenomeni moderati in Lombardia e nel settore alpino centro-occidentale con limite della neve oltre i 1600-1700 metri. Residue schiarite solo all'estremo Sud e in Sicilia, prime piogge anche su Toscana e Sardegna. Nel pomeriggio migliorerà all'estremo Nord-Ovest mentre precipitazioni anche moderate si trasferiranno verso il Triveneto con limite delle nevicate sulle Alpi fino 1400-1600 m. Peggiorerà sul versante tirrenico con fenomeni anche a carattere di rovesci e temporali dapprima su alto Lazio, in trasferimento tra sera e notte verso Umbria, basso Lazio e Campania. Le temperature massime saranno in calo in gran parte del Nord, Toscana e Umbria. Venti meridionali in nuova intensificazione ad iniziare dai mari di ponente. Seguiranno due o tre giorni all'insegna di correnti occidentali ancora tiepide e relativamente umide. Una locale instabilità potrà interessare ancora il versante tirrenico, dalla Toscana alla Calabria, nelle giornate di giovedì e venerdì. Nuvole localmente consistenti e qualche sporadico fenomeno anche nelle Alpi di confine, tempo nel complesso migliore altrove con il rischio di qualche nebbia in Pianura Padana. Una nuova perturbazione atlantica potrebbe raggiungere il Nord e la Toscana nella giornata di domenica. Al seguito di questa perturbazione dovrebbe affluire aria più fredda con un conseguente calo delle temperature nei primi giorni di dicembre, nel frattempo si manterranno ancora decisamente miti per la stagione.