Maltempo, nessuna tregua

webinfo@adnkronos.com

Stiamo vivendo una prima parte del mese di novembre decisamente instabile, con piogge a diffuse e localmente di forte intensità. In base ai principali modelli internazionali di previsione, questa situazione di insistente maltempo potrebbe durare ancora per molto, acuendosi ulteriormente a partire da venerdì 8 novembre. Il team de ilMeteo.it avverte che tra mercoledì e giovedì una nuova perturbazione alimentata da aria oceanica e sospinta da correnti di Libeccio e Scirocco raggiungerà buona parte d’Italia. 

Le precipitazioni interesseranno al Nord soprattutto la Lombardia e il Nordest, al Centro le regioni tirreniche e l’Umbria (temporali a Firenze e Roma) e al Sud quasi tutte le regioni. Le nevicate imbiancheranno le Alpi al di sopra dei 1500 metri. Giovedì il fronte perturbato sarà in azione sulle regioni meridionali con locali nubifragi, mentre al Centro-Nord dopo una prima parte del giorno più asciutta e soleggiata, tornerà a piovere in serata. 

Non ci sarà pace per l’Italia nemmeno nei giorni successivi, infatti altre perturbazioni, tra l’altro più fredde, riporteranno piogge abbondanti o molto abbondanti al Nord, sulle regioni tirreniche e al Sud. In questo contesto la neve sulle Alpi scenderà di quota fino a imbiancare molte località intorno ai 1000 metri di quota.