Maltempo, in Piemonte migliora situazione fiumi, ancora chiusa A5 -3-

Red/Sim

Roma, 24 nov. (askanews) - "Quando il territorio è così severamente messo alla prova, è inevitabile che il disagio e l'apprensione siano elevati. Così come non si può immaginare che la conta dei danni non presenti un conto salato alla comunità - ha detto il vicesindaco Marco Marocco, che ha la delega alla protezione civile - però la consapevolezza generale, la capacità di resilienza per le criticità purtroppo ricorrenti come il rischio alluvione è nettamente cresciuta: in questi giorni praticamente un terzo dei Centri operativi comunali ha aperto e ha lavorato in stretta sinergia con la Protezione civile metropolitana, indice di una cresciuta capacità di presidio territoriale e di risposta strutturata alle emergenze. Affiancata, come sempre, dalla bravura delle nostre strutture tecniche e dei numerosi volontari, di protezione civile, Gev, Ari, Croce rossa, che stanno lavorando con noi in sala operativa e sul territorio, a cui va il mio ringraziamento".