Maltempo: sale livello dell'Arno, a Firenze oltre la prima soglia di allarme

Il livello dell'Arno a Firenze è salito di due metri nelle ultime sei ore e ha superato il primo livello di allerta. Secondo i dati rilevati alle 6.45 dal Centro funzionale della Regione Toscana, il fiume agli Uffizi aveva raggiunto i 4,13 metri con una crescita di 35 centimetri nell'ultima ora per le abbondanti piogge cadute su tutto il bacino del fiume. 

La Protezione civile della città metropolitana di Firenze invita i cittadini a "non sostare vicino ad argini e sponde" dell'Arno. L'allerta maltempo è arancione e la Protezione civile consiglia di "mettersi in viaggio solo se strettamente necessario".

Chiuse tutte le scuole nei comuni attraversati dall'Arno, mentre negli altri Comuni saranno chiusi solo gli istituti superiori, come comunicato dall'Unione dei Comuni Empolese - Valdelsa. Il Centro Funzionale ha emesso un'allerta meteo di codice rosso per rischio idraulico collegato al fiume Arno da ora fino a tutta la giornata di domani e per questo è stata disposta la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, nidi compresi per i comuni di Montelupo Fiorentino, Empoli, Cerreto Guidi, Capraia e Limite,Vinci, Fucecchio. Chiusura soltanto delle scuole superiori per tutti gli altri.

Numerose le segnalazioni di frane ed alberi caduti sulle strade provinciali attorno a Firenze. La provinciale 72 "Vecchia pisana" è chiusa per frana al chilometro 1 in località Ponte Torto, nel Comune di Lastra a Signa. In aumento tutti i livelli dei fiumi, in particolare dell'Ema che ha già superato il secondo livello di guardia. La Protezione civile consiglia "massima attenzione" nell'attraversare i corsi d'acqua e le zone depresse (sottopassi stradali, zone di bonifica) e di evitare di attraversare le aree allagate anche se apparentemente con poca acqua. 

Cinquecento persone sono state invitate dalle 7 di questa mattina a lasciare in via precauzionale le loro abitazioni vicino al fiume Cecina. L'ondata di piena ha superato di 1 metro e mezzo il secondo livello di guardia: l'ultima volta che il Cecina esondò era il 2014 e causò molti danni nelle abitazioni più a rischio. Il fiume ha già tracimato questa mattina all'altezza di Ponteginori senza causare danni. Le piogge di questa notte e di questa mattina continuano a gonfiare il fiume. Per le persone evacuate, il Comune di Cecina ha messo a disposizione due punti di accoglienza (una scuola e il palazzetto dei congressi), bus e mezzi per disabili.