Maltempo in Sardegna: morta la donna dispersa nel Cagliaritano, 57 persone evacuate

Maltempo in Sardegna: morta la donna dispersa nel Cagliaritano, 57 persone evacuate

Cinquantasette evacuati e una vittima. È questo l'ultimo bilancio a seguito dell'alluvione in Sardegna. Sull'isola la pioggia è continuata a cadere per tutta la notte in Sardegna, dopo che mercoledì sera è completamente crollato il ponte sul rio Santa Lucia lungo la statale 195 che collega Cagliari al comune di Capoterra

È stato ritrovato dalle squadre a terra dei carabinieri, vigili del fuoco e della protezione civile, il cadavere di Tamara Maccario, la 45enne dispersa in località Sa Tria, tra Assemini e Cortexandra (Ca). La donna era rimasta coinvolta in un incidente con il marito e le tre figlie nella notte a causa del maltempo: il corpo è stato individuato a un paio di centinaia di metri rispetto al punto in cui l'auto, una Peugeot Tepee, è stata travolta dall'acqua. Le operazioni di soccorso, cominciate intorno a mezzanotte, hanno consentito di individuare subito una delle tre figlie che ha segnalato la mancanza degli altri membri della famiglia. Le due sorelle sono state ritrovate nelle ore successive dopo essersi presentate a casa di una signora della zona bagnate e infreddolite. Il padre delle ragazze è invece stato individuato verso le 3.30 dall'elicottero dell'80° Centro Csar dell'Aeronautica militare decollato da Decimomannu (Cagliari).

Sono 57 in tutto le persone evacuate, fino a questo momento, in Sardegna a causa del maltempo che si è abbattuto sull'isola. Oltre ai 49 di Uta, se ne aggiungono 6 a Castiadas, 2 a San Vito. Nell'ultimo bollettino diramato dalla Regione, si invita ancora una volta a non mettersi in macchina e in condizioni di pericolo. Scuole e edifici pubblici oggi rimarranno chiusi. Sono ancora in corso le ricerche donna dispersa da questa notte nella zona di Assemini.

Intanto, si è modificata l'estensione spaziale dei fenomeni temporaleschi, che si è ampliata, perdendo in intensità, interessando la Sardegna centrale e spostandosi verso il Nord Est. Nelle ultime tre ore le stazioni più piovose sono state Fonni, Mamoiada, Aritzo, Orgosolo e Cagliari. Le fulminazioni e i cumulati che ancora si registrano nella Sardegna Meridionale sarebbero in diminuzione, ma con isolate celle temporalesche localizzate sul golfo di Cagliari. Permangono le criticità idrogeologiche ed idrauliche per allagamenti e smottamenti nel Campidano e nel Sarrabus.

Nella Sardegna sud-orientale, si registrano problemi nel Comune di San Vito che risulta in parte allagato per l'esondazione del Rio Flumini Uri. Il Flumendosa è in calo, il ponte di ferro tra i Comuni di Villaputzu e Muravera è ancora chiuso. In agro di Uta, il livello della diga del Cixerri è sceso alla quota di 38,46 m ed è sempre attiva la fase di pre-allerta per il rischio idraulico a valle con rilasci di 20 metri cubi/s. La statele 195 è chiusa al traffico. La statale nuova 125 è interessata da allagamenti e smottamenti all'altezza di Costa Rei.

Le strade chiuse. L'Anas comunica di aver chiuso al traffico, in entrambe le direzioni un tratto della strada statale 125 Var Orientale Sarda (Nuova SSV 125 - ex. NSA 232), dal km. 42+100 al km. 44+420 a causa di una frana all'ingresso sud galleria Arexini. Chiusi al traffico anche tratti della SS 195 Sulcitana (km. 8+9, km. 9+3 e km. 10+1) con chiusura del Ponte della Scafa (per arrivare a Cagliari si deve percorrere la S.S. 195 in direzione Teulada, Giba, S.S. 293 verso Siliqua ed entrare sulla S.S. 130). Inagibile un tratto della SS 395 di Elmas (dal km. 0 al km. 0+6) a causa dell'allagamento del sottopasso che dalla SS 391 porta alla Metro allagato.

Il ponte crollato. Dalle prime ore di questa mattina la ditta di manutenzione incaricata dall'Anas è già al lavoro sulla strada statale 195 "Sulcitana" per eseguire gli interventi urgenti di ripristino della sede stradale e della viabilità in piena sicurezza, nel territorio comunale di Capoterra in provincia di Cagliari. È quanto si legge in una nota. I mezzi sono già all'opera per l'esecuzione e il completamento dei lavori nel più breve tempo possibile, attraverso la ricostruzione del corpo stradale asportato dalle acque, mediante riempimento e ripristino della sovrastruttura stradale. Il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli sta seguendo l'evoluzione dell'evento a stretto contatto con Anas per monitorare le modalità e i tempi dei lavori da eseguire. La conclusione degli interventi è prevista entro la metà della prossima settimana. A seguito delle piogge intense che hanno interessato nella giornata di ieri la parte meridionale dell'Isola e delle forti esondazioni della laguna (alimentata dal fiume Santa Lucia) si è verificato il cedimento dei rilevati di avvicinamento a tre opere idrauliche al km 8,900 (sopra il rio S. Lucia), al km 9,300 e al km 10,100 della strada statale.

Anas attraverso la sua struttura di monitoraggio e in collaborazione con gli altri enti preposti ha chiuso la strada tempestivamente alcune ore prima, evitando così ogni pericolo per gli utenti in transito. Permane la chiusura della SS195 dal km 0,000 al km 11,000 con traffico in direzione Pula deviato sulla SS130 in direzione Carbonia per proseguire sulla SS293 da Siliqua in direzione Giba e rientro sulla SS195 in direzione Teulada e Pula; percorso inverso in direzione Cagliari. L'eccezionale ondata di maltempo ha visto impegnati uomini e mezzi dell'Anas in sinergia e collaborazione con le Forze di Polizia, la Protezione Civile regionale e i Vigili del Fuoco. Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione "VAI" di Anas, disponibile gratuitamente in "App store" e in "Play store". Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.