Maltempo Toscana, sopralluogo di Rossi in Mugello

Xfi

Firenze, 26 nov. (askanews) - Obiettivo, intervenire in somma urgenza laddove l'acqua dei fiumi ha esondato per ridurre il rischio dei danni provocati dall'alluvione, come quelli che si sono appena verificati. E' il senso della mattinata di sopralluoghi che il presidente Enrico Rossi - accompagnato da tecnici regionali e del Genio civile, dal presidente dei Consorzi di bonifica, Marco Bottino, e da sindaci e amministratori di Mugello e Val di Sieve - ha effettuato oggi, in particolare nelle località di Sagginale e Sieci di Sotto, per visitare le zone dove gli eventi dello scorso 17 novembre hanno provocato una serie di allagamenti.

"Abbiamo evitato che la Toscana subisse un'alluvione grazie ai lavori fatti e alle opere realizzate per oltre 100 milioni l'anno dal 2012 ad oggi e grazie alla riorganizzazione del Genio civile e dei Consorzi di bonifica - ha detto Rossi -. Abbiamo avuto però diverse situazioni di allagamenti e vogliamo per questo fare una serie di piccoli interventi nei casi di maggiore rischio idraulico per migliorare la situazione e ridurre il pericolo qualora ci fossero ulteriori eventi". Si tratterà dunque di programmare una serie di lavori in somma urgenza, stimabili intorno ai 50 milioni di euro, esclusi i danni subiti da famiglie e imprese.

"Vogliamo riuscire - prosegue - ad intervenire in somma urgenza per la riduzione del rischio idraulico con una procedura accelerata per circa 50 milioni di spesa. Se riusciamo a ottenere a livello nazionale la dichiarazione dello stato di emergenza - ha precisato Rossi - la spesa speriamo possa essere supportata da 20 o 25 milioni statali".